Stay hungry stay foolish

“There is no genius without a dose of madness”

Aristotle says.

“Stay hungry stay foolish”, said Steve Jobs,

or the Faustian art of staying alive

Who among us does not bring into the memory of the words of Steve Jobs, “Stay hungry stay foolish”?

(For those who here is the translated text of the speech: Stay hungry stay foolish.) Both for those who can not see it, and for those who like me loves it, this sentence will be etched as a milestone. To me “Stay hungry stay foolish” is familiar, a way of life that has no alternative, I believe that every artist knows it, and to hear it from someone who has founded a business empire and has revolutionized the world of computing has been comforting. Being hungry and foolish is a phrase that combines the aphorism aristotele, so “there is no genius without a dose of madness”, the concept of genius and recklessness, with the full-time job is to stay alive, the taste a little Faustian.

Faust says to Mephistopheles:

Faust: If ever I lie, appeased, on a bed of idleness, is, for me, right over! If you, the illusion falsely with me, so that I may take pleasure me, if you give me seduce you with pleasures, what is the last day for me! This bet on me!

Mephistopheles: I accept!

Faust: And here a handshake! If I say to the moment stopped, therefore, you’re so beautiful, then you can throw me in chains, then I’ll go willingly into disrepair. Then the bell could sound the death knell, then you will be released from your service. It stops the clock and drop the needle and is finished for me, my time.

Among the wager between Faust and Mephistopheles is based on deep knowledge of the human soul on the illusion of the first and second. Faust knows that nothing can quench your own soul, nothing will give such a deep, complete satisfaction for him to say: “Moment, stopped’re so beautiful.” Mephistopheles will tempt him, in every way, but Faust knows that the human soul yearning brings a dissatisfaction that nothing can quench a thirst that never finds true refreshment, the human soul is a stretch to infinity. Faust with his pact commits himself to remain live.

I find that this bet is the other side of the coin the phrase of Steve Jobs, and the aphorism of Aristotle. While not all are geniuses, but all can engage in the work of staying alive and hungry. How? My question is how can you avoid? I have never found anything that was of such a satisfaction for me to unpack and say here, I am here to stay. Even when life is stable, the house is finally in place since the last move, here is passing the first gust of wind, I start to feel the urge to wake up, stretch the soul, it’s time to start again, life is me calling, I neither want to sit down. The temptation of stability, convenience of what I have, it is never stronger than the North Wind, who calls me to do again suitcases. New adventures await me. I know that if I ever find a moment so nice to say stop, it would be like Faust, my order:

“Stay hungry, stay foolish” ….

“Non esiste genio senza una dose di follia”

dice Aristotele.

“Stay hungry stay foolish”, dice Steve Jobs,

ovvero l’arte Faustiana di restare vivi

Chi di noi non porterà dentro il ricordo delle parole di Steve Jobs, “Stay hungry stay foolish”?
(per chi volesse ecco il testo del discorso tradotto: Siate affamati siate folli.) Sia per chi non lo può vedere, sia per chi come me lo adora, questa frase resterà impressa, come una pietra miliare. A me “Stay hungry stay foolish” è famigliare, un modo di vivere che non ha alternativa, credo che ogni artista lo sappia, e sentirlo dire da qualcuno che ha fondato un impero finanziario e ha rivoluzionato il mondo dell’informatica è stato confortante. Essere affamati e folli è una frase che unisce l’aforisma di aristotele, per cui “non esiste genio senza una dose di follia”, il concetto di genio e sregolatezza, con quel lavoro a tempo pieno che è restare vivi, dal sapore un pò Faustiano.

Faust di Goethe dice a Mefistofele:

Faust: Se mai mi adagerò, placato, su un letto di pigrizia, sia, per me, subito finita! Se tu, illudendomi mi ingannerai, così ch’io possa compiacermi di me, se tu mi potrai sedurre con piaceri, sia quello l’ultimo giorno per me! Questa scommessa offro io!

Mefistofele: Accetto!

Faust: E qua una stretta di mano! Se dirò all’attimo fermati dunque, sei così bello, allora mi potrai  gettare in catene, allora andrò volentieri in rovina. Allora potrà suonare a morto la campana, allora sarai liberato dal tuo servizio. Si arresti l’orologio e cada la lancetta e sia finito, per me, il mio tempo.

La scommessa tra Tra Faust e Mefistofele si fonda sulla profonda conoscenza dell’animo umano del primo e sull’illusione del secondo. Faust sa che nulla potrà placare la propria anima, nulla darà una tale e profonda, completa soddisfazione da fargli dire: “Attimo, fermati sei così bello”. Mefistofele potrà tentarlo, in tutti i modi, ma Faust sa che l’anelito dell’animo umano porta con se una insoddisfazione che nulla può placare, una sete che non trova mai vero ristoro, l’animo umano è un tendere all’infinito. Faust col suo patto si impegna con se stesso a restare Vivo.

Trovo che questa scommessa sia l’altra faccia della medaglia della frase di Steve Jobs, e dell’aforisma di Aristotele. Se è vero che non tutti sono dei geni, tutti però possono impegnarsi nel lavoro di restare vivi e affamati. Come si fa? La mia domanda è come si può evitare? Io non ho mai trovato nulla che fosse di tale soddisfazione da farmi disfare le valigie e dire ecco, sono qui per restare. Quando anche la vita è stabile, la casa è finalmente a posto dall’ultimo trasloco, ecco che passa il primo refolo di vento, inizio a sentire l’istinto svegliarsi, l’anima tendersi, è il momento di ricominciare, la vita mi sta chiamando, non devo nè voglio sedermi. La tentazione della stabilità, della comodità, di ciò che ho, non è mai più forte del vento del Nord, che mi chiama a fare di nuovo le valigie. Nuove avventure mi aspettano. So che se mai dovessi trovare un attimo così bello da dire fermati, sarebbe come per Faust, la mia fine:

“Stay hungry, stay foolish”….

manuelametra

I am an Artist, located in Italy, the country of Art and Dolce Vita, I am specialized in art laboratories: ceramic and painting, helping people to meet the creative side of life, and helping creative entrepreneurs and companies with branding through my artworks with a dash of clean style to capture the harmony of life. I also work in Hospitals with ceramic therapy laboratory for children. This blog is my Artistic Salad, filled with creativity, beauty, joie de vivre, passion and tools for creative minds.

Find me on: Web

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.