Positive attitude about changes

Manuela Metra

Fine Art Photography by Manuela Metra

 

I have always been a lover of changes, of novelty and of the strength that always springs from new things, whether they are on the physical plane, how to redecorate, buy a habit, a house, be they of a more subtle nature, inherent in the soul sphere, such as a new love, an adventure, a journey, the beginning of a new job. But there are also profound changes, those that one way or another do not choose properly lightly, are complex and long metamorphoses. Usually announced by some bad news, which inexorably escapes our control. The event in question leads us to react more or less quickly according to our nature, but nevertheless begins to activate an emergency plan.  So we think about how it is better to deal with it, and all the possibilities, the phases of the plan, are alluded to. These metamorphoses are the most difficult of the changes, they are insidious, but in any case they represent an opportunity. I do not know why, but always the people who meet me tell a lot about themselves. Often open to personal confidences, and I have noticed over time how the attitude towards these radical changes that life brings to us, may determine the difference between a happy outcome or, on the contrary, a long inexorable torment. It will also be that I decided to make about positive view my personal exercise, but I firmly believe that since the problem exists, it is worth seeing a possibility to be grasped. I found very beautiful and useful in this sense a text that was recommended during the years of training, is titled “A Psychologist in the lager” by Viktor Frankl. In this truly enlightening text, the author retraces the years spent in the concentration camps, but without dwelling on the events and details, but rather on survival strategies, and analyzes the state of mind of the prisoners. Those who have a positive attitude, who are able to see the beauty of a sunset even in that situation, and are able to hope for a future are those who are saved. Certainly it is an exemplary and extreme situation, yet it establishes a parallel between positive attitude and survival, it is not a trivial matter. When you begin to embrace a deep choice then many things happen, as in fairy tales, and the real adventure begins. Around us all say what they think, a little you ask for advice, a little you want to do it yourself, but in any case the choice to ache always do with freedom. Then you need to find your center and eliminate what is superfluous, like when you leave for a trip. It will not be easy, but it will be an adventure.
*P.S. during the next days I will move on a new domain, www.alice-in-wonderland.me

Sono sempre stata un amante del cambiamento, delle novità e della forza che scaturisce, sempre, dalle cose nuove, siano esse sul piano fisico, come riarredare, acquistare un abito, una casa, siano esse di carattere più sottile, inerenti alla sfera animica, come ad esempio un nuovo amore, un’avventura, un viaggio, l’inizio di un nuovo lavoro. Ma ci sono anche cambiamenti profondi, quelli che per un verso o per un altro non si scelgono propriamente a cuor leggero, sono delle complesse e lunghe metamorfosi, di solito preannunciate da una qualche brutta notizia, che inesorabilmente sfugge al nostro controllo. L’evento in questione ci porta a reagire più o meno velocemente secondo la propria natura, ma comunque inizia ad attivarsi un piano d’emergenza. Si ragiona su come sia meglio affrontare la cosa e, si almanaccano tutte le possibilità, le fasi del piano. Queste metamorfosi sono i più difficili tra i cambiamenti, sono insidiose, ma in ogni caso rappresentano un’opportunità. Non so bene come mai, ma da sempre le persone che mi incontrano mi raccontano molto di loro stesse, spesso si aprono a confidenze personali, e ho potuto notare nel tempo come l’atteggiamento verso questi cambiamenti radicali che la vita ci para dinnanzi, possa determinare la differenza tra un esito felice o, al contrario, un lungo inesorabile tormento. Sarà anche che ho deciso di fare della visione positiva un esercizio mio personale, ma credo fermamente che dal momento che il problema esiste tanto vale vederci una possibilità da cogliere. Ho trovato molto bello e utile in questo senso un testo che mi fù consigliato durante gli anni della formazione, si intitola “Uno Psicologo nel lager” di Viktor Frankl. In questo testo davvero illuminante, l’autore ripercorre gli anni trascorsi nei lager, ma senza soffermarsi sulle vicende e sui dettagli, quanto invece sulle strategie di sopravvivenza, analizzandoo lo stato d’animo dei prigionieri. Coloro che hanno un atteggiamento positivo, che sono in grado di vedere la bellezza di un tramonto anche in quella situazione, e sono in grado di sperare in un futuro sono coloro che si salvano. Certo è una situazione esemplare ed estrema, tuttavia stabilisce un parallelo tra atteggiamento positivo e sopravvivenza, non è cosa da poco. Quando si inizia ad abbracciare una scelta profonda allora accadono molte cose, come nelle fiabe, e inizia la vera e propria avventura. Intorno a noi tutti dicono cosa ne pensano, un pò si chiede un consiglio, un pò si desidera fare da soli, ma in ogni caso la scelta ha a che fare sempre con la libertà. Allora è necessario trovare il proprio centro ed eliminare quello che è superfluo, come quando si parte per un viaggio. Non sarà facile, ma sarà un’avventura.

manuelametra

I am an Artist, located in Italy, the country of Art and Dolce Vita, I am specialized in art laboratories: ceramic and painting, helping people to meet the creative side of life, and helping creative entrepreneurs and companies with branding through my artworks with a dash of clean style to capture the harmony of life. I also work in Hospitals with ceramic therapy laboratory for children. This blog is my Artistic Salad, filled with creativity, beauty, joie de vivre, passion and tools for creative minds.

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.